In quanti hanno visto il film di Hachiko? Ebbene si, è una storia vera!

Hachiko Shibuya

La Statua di Hachiko a Shibuya, non avevo mai trovato così poche persone!

Storia di Hachiko

Fra uomo ed animali si instaura spesso un legame unico, ma la relazione fra Hachiko ed il suo padrone, il professore Eisabura Ueno, ha veramente dell’incredibile.
Sin dalla nascita di Hachiko nel 1923, il professor Ueno si recava ogni giorno alla stazione di Shibuya per andare a lavoro, accompagnato dal suo cane.
Hachiko, tornava ogni sera a “riprendere” il suo padrone, attendendolo di fronte l’ingresso della stazione.

Il 21 maggio del 1925, Eisabura Ueno, morì colto da attacco cardiaco sul luogo di lavoro e non rientrò più a casa.

Il fedele Hachiko per  i successivi nove anni continuò ogni giorno a compiere il suo cammino tra casa e stanzione, fino alla sua morte.
L’Imperatore, conscio di quanto i giapponesi fossero legati alla storia di questo cane, indisse una giornata di lutto nazionale. Il Giappone intero commemorò Hachiko e la sua fedeltà.

Statua di Hachiko, dove vederla?

Arrivate alla stazione di Shibuya, e fra le tante uscite scegliete quella chiamata “Hachiko”!

Uscendo dalla stazione, sulla sinistra troverete la statua di Hachiko, anche se spesso è difficile da vedere poichè “nascosta” da tantissime persone!

 

 

Foto di Mr. Takeshi Ando, risalente al 1934, Hachiko di fronte la stazione di Shibuya a Tokyo.

 

Hachiko nei film:

La filmografia racconta per due volte la vita di Hachiko: lo troviamo nel film giapponese Hachiko monogatari di Seijiro Koyama e successivamente nel film americano Hachiko di Lasse Hallström.